Comunicazione e pubblicità: cosa sono e come funzionano - Robert Cutty
19941
post-template-default,single,single-post,postid-19941,single-format-standard,bridge-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-20.5,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Comunicazione e pubblicità: cosa sono e come funzionano

Comunicazione e pubblicità

Comunicazione e pubblicità: cosa sono e come funzionano

Nuvola di comunicazione gialla e verdeLa comunicazione è una delle attività fondamentali nella vita dell’uomo. Passiamo infatti la nostra esistenza a comunicare, e di conseguenza a trasmettere in continuazione una serie di concetti che verranno interpretati in modo diverso in base alla persona con la quale ci stiamo interfacciando.

Probabilmente non ci avete fatto molto caso, ma nella frase precedente c’è un termine veramente importantissimo, e che vale la pena analizzare. Stiamo parlando della parola “trasmettere”.
Essere in grado di trasmettere un concetto rispettando un obiettivo ben preciso, infatti, non è per niente semplice. In pubblicità per esempio, l’obiettivo della trasmissione di una nozione è quello della persuasione, ma arrivare a riuscire a persuadere qualcuno di qualcosa non è semplice come potrebbe sembrare. Infatti, sono tantissimi gli ingredienti che entrano in gioco nel momento della persuasione, e riuscire a soppesarli tutti nel modo corretto richiede una certa esperienza.

Ecco perché, per comunicare nel modo corretto, è fondamentale conoscere quelli che sono gli elementi fondanti della comunicazione stessa. Ma quali sono gli ingredienti che entrano in gioco in questo contesto? Scopriamoli insieme.

Gli ingredienti della comunicazione

Per riuscire ad ottenere con successo l’obiettivo prestabilito legato al proprio atto di comunicazione, bisogna tenere sotto controllo sei elementi assolutamente fondamentali.

Il primo, nonché quello più importante in assoluto, è quello del segnale. Il segnale è quella particella comunicativa che parte dalla persona che sta parlando, e che colpisce il suo interlocutore. Questo, a sua volta, si suddivide in due tipologie differenti.
La prima è quella chiamata informazione, e comprende l’insieme di concetti ai quali siamo generalmente in grado di attribuire immediatamente un significato. La seconda è invece quella chiamata rumore, e comprende tutti i concetti che non siamo in grado di interpretare.
È importante ricordare sempre che la distinzione tra informazione e rumore è altamente soggettiva, e che varia dunque in base al pubblico con il quale stiamo comunicando.

Quarto elemento base nel campo della comunicazione è quello legato al codice. Il codice dipende dalla lingua parlata dalle persone, e ci consente di interpretare ciò che ci viene trasmesso. Chiaramente, questo risulta essere condiviso esclusivamente dalle persone che parlano la lingua in questione.

In conclusione abbiamo il significato e il senso, due elementi apparentemente simili, ma caratterizzati in realtà da una sottile differenza. Mentre il primo infatti è parte integrante del concetto stesso, il secondo risulta essere soggettivo, e deriva dal modo in cui l’interlocutore interpreta il segnale che gli sta venendo trasmesso dal locutore.

Insomma, una volta a conoscenza di tutti questi elementi, e una volta imparato a padroneggiarli, sarete anche in grado di gestire la comunicazione sotto tutti i suoi aspetti!

No Comments

Post A Comment

Call Now Button