Il futuro visto dagli occhi degli uomini del 1900: En l'An 2000 - Robert Cutty
20705
post-template-default,single,single-post,postid-20705,single-format-standard,bridge-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-21.7.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Futuro: il mondo di oggi è come se lo immaginavano i nostri antenati?

Fotografia di città futuristica

Futuro: il mondo di oggi è come se lo immaginavano i nostri antenati?

Una delle più grandi passioni dell’essere umano, non importa in quale epoca ci si trovi, è sempre stata quella di immaginarsi come sarà il futuro. Tutto nel futuro sembra infatti più affascinante rispetto a quello che si ha nel presente, non si sa come mai: sarà forse perché, nelle nostre teste, le macchine del futuro avranno le ali e possono sorvolare intere città, o perché le persone potranno vivere in case subacquee.

Una cosa però è certa, ovvero il fatto che esattamente come noi, anche i nostri antenati si sono immaginati la vita e le città nel futuro, e ci hanno addirittura lasciato alcune testimonianze delle loro fantasie.
Le loro idee hanno effettivamente preso vita? Scopriamolo insieme attraverso le illustrazioni de “En l’An” di Jean-Marc Côté, che agli esordi del 1900 si appuntò la sua visione del futuro, e in particolare di quello che sarebbe accaduto nel 2000.

La spa del futuro

La toilette del futuro

Credits by Wikimedia Commons

Automatizzazione: a quanto pare, quando si parlava di futuro, era questa la parola d’ordine nel 1900. E cosa potrebbe esserci di più comodo, se non una spa automatica? Massaggi, pulizia del viso e trucco, secondo i nostri antenati, a partire dal 2000 in poi sarebbero stati fatti da macchine intelligenti, installabili direttamente nelle toilettes delle proprie case.

Guardando questa immagine oggi, con gli occhi di uomini del 2000 a tutti gli effetti, possiamo effettivamente dire che questa fantasia non era poi così assurda. Sono infatti tantissimi i gadget che oggi ci permettono di dare vita a una piccola spa personale all’interno delle nostre abitazioni. Qualche esempio? Beh, è impossibile non citare gli smart mirrors, che analizzano la composizione della nostra pelle (suggerendoci addirittura quali prodotti utilizzare per mantenerla sempre sana e brillante) o i massaggiatori automatici.

Pulizie tutte automatiche

Pulizia automatica della casa

Credits by Wikimedia Commons

Sempre per restare in tema di automatizzazione, un altro sogno legato al futuro molto gettonato nel 1900 era quello dei robot per le pulizie. Côté infatti, nelle sue illustrazioni, si immaginava grandi aggeggi muniti di scopa e paletta che – con in realtà un minimo aiuto di una persona – si muovevano sui pavimenti degli appartamenti, pulendoli in men che non si dica.

Anche qui, possiamo indubbiamente dire che i nostri avi ci abbiano preso alla grande. I mini robot-aspirapolvere che si muovono in autonomia per le stanze degli appartamenti hanno spopolato negli ultimi anni. Infatti, hanno ottenuto un gran successo tra tutti coloro che desiderano avere sempre la casa in ordine con il minimo sforzo.

Da uovo a pulcino in un batter d’occhio

Creatore di pulcini

Credits by Wikimedia Commons

Questa è forse l’idea più fantasiosa che gli uomini del passato hanno avuto pensando all’epoca del 200. Si tratta di una macchina che permette di trasformare immediatamente le uova in pulcini. Una sorta di incubatrice, se così vogliamo vederla, che permette all’embrione all’interno dell’uovo di svilupparsi in pochi secondi. Il suo scopo potrebbe essere probabilmente quello di produrre il più polli possibile nel minor tempo possibile, così da poter sfamare più famiglie senza dover aspettare la crescita dei pulcini.

Per quanto ne sappiamo, un prodotto simile non è ancora stato inventato (se potete smentire, fatecelo sapere nei commenti!)… le uova vengono ancora covate dalle galline.

No Comments

Post A Comment

Call Now Button